Approfondimenti

Non importa la tua età, importa la tua salute

Disturbi negli Adolescenti

Studio di Psicologia e Psicoterapia Como

Manifestazioni di grande impatto o eclatanti sono le modalità tramite cui gli adolescenti esprimono se stessi, i propri sentimenti e le contraddizioni che stanno vivendo.

Il termine adolescenza fa riferimento al periodo che intercorre tra l’infanzia e l’età adulta; un lasso di tempo in cui avvengono molti cambiamenti, a livello di maturazione biologica e fisica, di sviluppo cognitivo identità e ragionamento, e di modalità di rapportarsi agli altri ed esprimersi.  L’entrata dell’adolescente nel mondo degli adulti crea conflittualità e competizioni, anche perché il giovane per essere accettato deve accettare le norme del mondo degli adulti e la loro autorità, ed è li nella via di mezzo tra il bambino che era e l’adulto che diventerà.

Nel percorso con gli adolescenti viene salvaguardato lo spazio di lavoro a loro riservato, negoziando con loro il coinvolgimento delle figure adulte di riferimento. All’ inizio è previsto almeno un primo incontro con entrambi i genitori (In caso di lavoro con il minore, è necessario che coloro che esercitano la potestà genitoriale diano il loro consenso informato e scritto), per conoscere il contesto di esordio del problema, i bisogni e le aspettative del minore e della famiglia.

Attività svolte

9

Disturbi d’ansia

9

Disturbi dell’umore

9

Disturbi alimentari

9

Disturbi ossessivo-compulsivi

9

Disturbi Somatici

9

Crisi adolescenziali

Problematiche negli Adulti

In particolari momenti di vita possono esserci difficoltà o eventi, che implicano varie connotazioni emozionali comportamentali e psicologiche, ci può essere un adattamento o un cambiamento rispetto a certe situazioni e se ci sono ostacoli in questi processi di adattamento e comprensione si può sentire la necessità di un supporto psicologico. La sofferenza e il disagio sono segnali importanti di una dinamica sottostante che per essere affrontata al meglio e risolta deve essere messa in luce, accolta e ascoltata.

L’aiuto dello psicologo è quello di accompagnare, tramite strumenti specifici e il lavoro della relazione terapeutica, la persona che si sente in difficoltà a comprendere il perché di certe sensazioni, reazioni, emozioni, disturbi e di prendere consapevolezza del proprio modo di funzionare. Il supporto psicologico permette di comprendere come gestire nel modo più funzionale possibile i propri momenti di crisi o di difficoltà.

Il lavoro con gli adulti può essere impostato, in base alle esigenze a agli obiettivi contrattati e condivisi, in maniera individuale oppure in setting di Coppia e/o Famiglia.

Con le coppie e con le famiglie, l’attenzione è posta sulle percezioni che i membri hanno l’uno dell’altro e sulle emozioni e sui significati associati ad esse. Il benessere familiare aumenta nel momento in cui si prende maggior consapevolezza delle dinamiche sottostanti le relazioni. Le problematiche affrontate nel setting di lavoro con la coppia sono:

 

  • crisi di coppia
  • situazioni in corso o post separazione
  • problematiche nella comunicazione
  • disturbi della sfera sessuale
Terza Età

Il lavoro con le persone anziane può riguardare: l’aspetto di prestazione cognitiva che si percepisce come cambiato rispetto a un livello precedente, il cambiamento di percezione rispetto al proprio corpo e alla propria immagine corporea, i sentimenti verso sé stessi e verso gli altri.Fondamentale è comprendere come viene vissuto dalla persona il processo dell’invecchiamento, quali sono i pensieri e le emozioni che lo accompagnano.

Problematiche nei Bambini

Le problematiche in età evolutiva possono sorgere in diverse ambiti: in famiglia, a scuola, con il gruppo di pari e a cascata possono andare a coinvolgere tutti gli altri spazi della vita del bambino e anche della famiglia.

Nel lavoro con i bambini possono essere utilizzati metodi differenti da quelli utilizzati con gli adulti o con gli adolescenti e strumenti fondamentali sono il gioco, il disegno e l’osservazione dell’interazione che il bambino ha con le figure di riferimento. Questi strumenti hanno la finalità di far esprimere ai bambini le proprie emozioni e i propri pensieri tramite modalità che per loro possono risultare di accesso facilitato. Nei percorsi in età evolutiva possono essere strutturati dei setting flessibili rispetto a quelli degli adulti,

in modo che se si ravvisa la necessità possano essere coinvolte nel lavoro anche le figure di riferimento del bambino, per riuscire a mettere in gioco e utilizzare più risorse possibili. All’ inizio del percorso è previsto almeno un primo incontro con entrambi i genitori (In caso di lavoro con il minore, è necessario che coloro che esercitano la potestà genitoriale diano il loro consenso informato e scritto), per conoscere il contesto di esordio del problema, i bisogni e le aspettative del minore e della famiglia.

Problematiche trttate

9

Disturbi d’ansia

9

Disturbo ossessivo-compulsivo

9

Disturbo Oppositivo-Provocatorio

9

Ansia da separazione

9

Disturbi della Condotta

9

Disturbi del comportamento alimentare

9

Disturbi del sonno

9

Disturbi Somatici

9

Disturbi dell’apprendimento, dell’attenzione e iperattività

COLLABORIAMO CON: